LE ORIGINI DELLE PERLINE E GLI USI

La  Reitz produzione di perle risale a più di 40.000 anni fa ed è caratteristica di tutte le culture umane, in tutti i continenti.

All’inizio ogni popolo sviluppava materiali locali e  attuava tecniche di produzione particolare, con le grandi migrazioni perline e tecniche si mischiarono rendendo difficile individuare l’origine esatta di un dato tipo di perlina o di tecnica.

Le Americhe hanno tradizioni di produzione di perle molto antiche e lavorate, in Europa invece la fabbricazione delle perle fiorì in particolare con i Romani, i Bizantini e i Vichinghi.

In India i gioielli con perline giocano un ruolo importante nella vita degli Indiani, da sempre producono e realizzano perline di diverso tipo facendolo diventare un grande centro commerciale con molte varietà.

Anche se nel corso degli anni il nostro abbigliamento e le nostre abitudini sono cambiate, l’uso delle perline come ornamento non è mai passato di moda.

Il termine inglese bead, che significa perlina appunto, deriva da biddan che significa pregare, i rosari infatti, formati da perline di diverso tipo sono usati da più della metà delle religioni presenti nel mondo.

Ma le perline non venivano usate solo per la creazione di rosari ma utilizzate anche come merce di scambio, oggi invece i tempi sono cambiati e le creazioni con perline vengono indossate per motivi estetici e non più per il valore intrinseco.

I materiali usati per la creazione di perline sono differenti,  como coquetear con un hombre géminis perline in vetro, perline  cerco uomo alessandria di legno, perline in  scorchingly metallo, o ancora in  ceramica o in materiali naturali fino ad arrivare a quelle realizzate con pietre dure o alle più economiche in plastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Main Menu